Lo scorso fine settimana vedeva impegnate l’Under 6, l’Under 12, l’Under 16 e la Seniores.

UNDER 6
Splendida giornata primaverile oggi sul campo del Rufus San Vincenzo, non si può dire lo stesso per il risultato del concentramento della nostra Under 6. Pochi placcaggi, poca concentrazione, sarà forse colpa della primavera? La squadra manca di esperienza nel confronto con altre squadre. Tanta voglia, tante risate, ottimo gruppo, bello spirito sportivo che da ottime speranze per una bella crescita!
La formazione: Gabriele Marra, Noah Righini, Antonio Zacaria, Samuel Ferrari, Loris Garfagnini, Marco Salucci.

UNDER 12
L’Under 12 era impegnata sabato nel raggruppamento di Piombino. Le squadre presenti sono Elba, Piombino, Rufus e Grosseto. Il nostro gioco è stato altalenante con scarsa salita difensiva e gioco a tratti confuso. Buon impegno dei ragazzi (solo 8) e ultima partita di buon livello.

UNDER 16
A disposizione 18 giocatori, partita scozzata, con buone individualità per entrambi le formazioni. Gioco Elbano più pragmatico in attacco e più deciso in difesa. Buona la collaborazione generale viziata spesso dall’utilizzo forzato dell’offload . Difficoltà nell’amalgamare le differenze fisiche sostanziali che costringono i più prestanti a fare “troppo” e allo stesso tempo relegano i meno incisivi quasi a spettatori. Migliore la gestione dei punti d’incontro e delle scelte. Da migliorare la velocità di uscita e la qualità del passaggio del mediano di mischia

SENIORES
Elba Rugby vs Polisportiva Sieci.
Ultima in casa di campionato per gli elbani che dopo la vittoria esterna con il prato e la sconfitta con i Lyons amaranto scendono in campo senza due giocatori in squalifica. È doveroso l’ingresso trionfale per l’ultima partita del veterano Raffaele Amoroso salutato “con un tunnel” sia dagli old che dalle giovanili. Inizio aggressivo per l’Elba Rugby che segna al quarto la prima meta Morosi ma non viene trasformata. Allunga il vantaggio l’Elba con la meta di Paglia. Anche questa non trasformata. Terza meta del Piacentini che porta il punteggio a 15 a zero, trasforma Viganego. L’onda verde blu non si arresta e arriva anche la quarta meta di Leoni trasformata da Viganego. Ed è sempre lui a trasformare la quinta meta e siamo a 31 a zero per i padroni di casa. Prima meta per gli ospiti che trasformano e sbloccano il tabellone dallo zero prima della fine del primo tempo! Secondo tempo con la stessa impronta del primo doppia meta dell’Elba Rugby di cui una trasformata dal solito Viganego. Ma l’Elba é incontenibile ed è difficile oggi tenere il conto delle mete dei locali Paglia, Arcara e di nuovo Morosi, tutti gli elbani con la primavera sembrano essersi risvegliati dal torpore invernale. Seconda meta per gli avversari che sancisce la fine del match con il punteggio di 77 a 14. L’Elba si piazza cosi al quarto posto in classifica ad una partita dalla fine del campionato che la vedrà scontrarsi in terra senese con la prima in classifica già matematicamente vincitrice della stagione 2017/18.